Appuntamento a...


Link utili


Calendario
degli eventi

 

 

Fame e sicurezza alimentare nel mondo
Il Sottosegretario Caldoro: "Dobbiamo far dialogare le scuole di tutto il mondo"


In vista del prossimo Vertice mondiale sull'alimentazione sono state presentate oggi nel corso di una conferenza stampa svoltasi al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca le attività italiane dell'iniziativa educativa internazionale sulla fame e la sicurezza alimentare "Nutrire la mente, combattere la fame". Promotori del progetto italiano, concepito come una classe virtuale per incoraggiare l'impegno attivo dei giovani nella creazione di un mondo libero dalla fame, sono: la Fao, la Commissione nazionale italiana per l'Unesco, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, il Comitato italiano "Nutrire la mente, combattere la fame".
Per il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca è intervenuto il Sottosegretario Stefano Caldoro. "Questa iniziativa rappresenta un momento importante di collaborazione tra istituzioni per una campagna di attenzione ai problemi della fame e della malnutrizione e di effettiva solidarietà", ha detto il Sottosegretario. "La scuola è il punto di riferimento più importante: per una efficace educazione alla nutrizione, alla sicurezza alimentare e al corretto utilizzo delle risorse alimentari del pianeta dobbiamo attivare un processo globale di trasferimento di conoscenze. E soprattutto", ha aggiunto Caldoro, "dobbiamo far dialogare le scuole di tutto il mondo perché i nostri ragazzi rappresentano la speranza per il futuro. Abbiamo già realizzato positive esperienze in alcune scuole, che si aggiungono alle molte altre realizzate nella scuola dell'autonomia. Dobbiamo ora intensificare queste azioni".
A questo proposito si segnala che il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca partecipa, attraverso la rete Enis (European network of innovative school) al Progetto e-learning Pythagoras "Nutrire la mente, combattere la fame".

Con questa rete vengono coinvolte le scuole italiane in collegamento con altri Paesi del Mediterraneo.

http://www.istruzione.it/prehome/comunicati/2002/fame_sicurezza.shtml