Appuntamento a...


Link utili


Calendario
degli eventi

 

 

Merendine, attenti all’etichetta

La fine delle vacanze prevede per molti ragazzi il ritorno ad usi alimentari consolidati, tra cui lo spuntino di metà mattina: abitudine nutrizionalmente corretta, se si seguono alcuni accorgimenti. Lo spuntino deve istituzionalmente dare energia per prevenire il calo di attenzione e di umore, tipici della tarda mattinata e del pomeriggio, o spezzare intervalli superiori alle 4/5 ore tra i pasti. Non deve però sostituirsi alla colazione, né avere un carico calorico eccessivo. Dev’essere in prevalenza costituito da carboidrati (meglio se non solo zuccheri) per un miglior effetto sulle prestazioni cognitive.
Quali alimenti nello zaino? Frutta o yogurt sono le scelte ideali: forniscono, oltre ai carboidrati, nutrienti preziosi quali fibre e calcio. Saltuariamente, va bene anche un bocconcino di pane comune con una fetta di prosciutto o un velo di marmellata, purché di dimensione non superiore a quella del pugno del bambino (e se non è sovrappeso). E le merendine? I bambini sono di solito poco disponibili a sostituirle con frutta o yogurt, ma queste spesso hanno un carico energetico e un contenuto di grassi superiori a quelli raccomandati per uno spuntino (che dovrebbe coprire non più del 10/15 per cento delle calorie giornaliere). Un’indagine condotta dal nostro gruppo di lavoro sui valori nutrizionali in etichetta delle 50 merendine più diffuse nei supermercati ha evidenziato contenuti calorici e di grassi mediamente superiori a quelli descritti nelle tabelle dell’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione. Tra i prodotti in commercio solo il 14 per cento delle merendine e il 16 per cento degli snack al cioccolato ha contenuti calorici e di grassi non eccessivi per uno spuntino.
Ma come comportarsi se i bambini li chiedono? Patteggiamo un consumo non superiore alle 24 volte alla settimana, alternandoli con spuntini più sani, sempreché gli stessi prodotti non siano già presenti a colazione e il bambino non sia in sovrappeso. Controllare sempre l’etichetta: su un’alimentazione, ad esempio, da 1900 kcal (per un bambino di 6/10 anni) possono essere idonei per uno spuntino a metà mattina o metà pomeriggio prodotti con apporto calorico di 135/140 kcal/porzione; meglio se i grassi non superano i 4,5 g/porzione. Spuntini più sostanziosi possono essere inseriti solo saltuariamente e richiedono una maggiore attenzione alle scelte del pranzo e della cena. Infine, le bevande: per accompagnare un panino o una merendina la miglior scelta è l’acqua, che non dà calorie. Succhi di frutta e tè freddo in brick o lattina nelle comuni porzioni d’uso (125/330 cc) danno un apporto energetico eccessivo.


di Teresa Denise Spagnoli dell' U. O. nutrizione, Asl Collegno, Torino. dal supplemento salute di www.repubblica.it